Home / Bike Park News / “mtbparkbrondello.isasca” un Bike Park VERAMENTE a 360°

“mtbparkbrondello.isasca” un Bike Park VERAMENTE a 360°

Queta ulteriore News, non è una ripetizione dei precedente articolo,

ma vuole essere una dimostrazione ed una ulteriore conferma di quanto “mtbparkbrondello.isasca” come da titolo della News, per diversi motivi,

“mtbparkbrondello.isasca sia VERAMENTE un Bike Park a 360° “

Già nel 2007, quando ASD “La Torre Brondello” organizzava eventi sportivi sui terrutori della Valle Bonda, Silvio Massimino uno dei più famosi interpreti a livello agonistico del Mtb in Provincia di Cuneo,  esprimendo pareri sui nostri territori – come da e-mail allegata – scriveva:

1 – Gia nel 2007, Silvio Massimino quando parlava di “salita micidiale, forse per qualcuno da percorrere spingendo la bici a fianco” si ricollegava inconsciamente

a quanto scritto in tempi più recenti su “Mountainbike a 360° ”  quando Sara Marino e Riki Serraglia scriveranno

“la guida … riguarda tutti itinerari ad anello collocati sulle vallate cuneesi, che prevedono discese su sentiero, da quello un pochino più facile fino al più tecnico, nei boschi e su pietraie, in modo da soddisfare tutti i gusti. Parte di questi percorsi, sono dedicati a coloro che cercano qualche cosa di più impegnativo. Percorsi che richiedono o possono richiedere tratti a spinta che consentono di raggiungere cime e passi meno conosciuti e meno frequentati dalle due ruote. Questo è anche un modo per godere di panorami unici, severi … sempre con la consapevolezza che dopo li attenderà un sentiero suggestivo da percorrere in discesa.” 

confermando così con le sue impressioni tecniche sui nostri sentieri, “erano appunto segno di territori per “Mountainbike a 360° “

2 – I percorsi coinvolti  nel “mtbparkbrondello.isasca” sono tutti ad anello, e tutti ( compreso il 19 – “Le 4 chiese” poi parzialmente accantonato di cui si fà riferimento nella precedente News ) e tutti, conseguentemente alle caratteristiche orografiche dei ns territori, hanno in linea generale una o più salita più o meno impegnativa e più o meno difficile da lato tecnico e della difficoltà – sempre da “pedalare” dal momento che comunque nel “mtbparkbrondello.isasca” non prevede la possibilità di usufruire di impianti di risalita comunque inesistenti – a cui fa sempre seguito una discesa altrettanto più o meno impegnativa e più o meno difficile da lato tecnico e della difficoltà.

3 – In particolare questo punto 2, ci ha sempre fatto considerare questo nostro progetto particolarmente adatto alla pratica dell’ENDURO, la attività emergete del mountainbike. proprio in considerazione di un “MountainBike a 360° “

Quando infatti abbiamo richiesto pareri e consigli a Federico Barberis ( della ASD Extreme Adventures Team ” che con la associazione da lui presieduta, è da sempre il maggior collaboratore della ns ASD relativamente alle realizzazioni relative al Mtb, chiedendogli :

“Quando un qualsiasi percorso, specifico per Gravity, ( Freeride o Dohunill Dh ) non è raggiungibile con un veicolo a motore ne tanto meno con inpianti di risalita ( da noi inesistenti ) ma è necessario effettuare un tratto di salita seppure breve per raggiungere il punto da cui inizia la discesa, più o meno difficile e più o meno acrobatica, è giusto dire che diventa un percorso più specificatamente per ENDURO ?” La risposta di Fede è stata “Confermo.  E’ giusto, dire che è perfetto per praticare ENDURO

Conseguentemente,

“mtbparkbrondello.isasca” può essere considerato a tutti gli effetti “Un Bike Park VERAMENTE a 360°, dal momento che in esso sono indicati percorsi di Xc / Cross Country, di sviluppo, difficoltà tecniche in grado di soddisfare qualsiasi esigenza  e scelta anche in base alla singola preparazione fisica e tecnica di guida ma anche percorsi per discese acrobatiche come Freeride e Dh ( Dohunill ) ed ENDURO. Un Bike Park che permette di realizzare quanto esresso nella Guida “MountainBike a 360° ” quando dice :

“la guida … riguarda tutti itinerari ad anello collocati sulle vallate cuneesi, che prevedono discese su sentiero, da quello un pochino più facile fino al più tecnico, nei boschi e su pietraie, in modo da soddisfare tutti i gusti. Parte di questi percorsi, sono dedicati a coloro che cercano qualche cosa di più impegnativo. Percorsi che richiedono o possono richiedere tratti a spinta che consentono di raggiungere cime e passi meno conosciuti e meno frequentati dalle due ruote. Questo è anche un modo per godere di panorami unici, severi … sempre con la consapevolezza che dopo li attenderà un sentiero suggestivo da percorrere in discesa.” 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 2 =

Top